La tecnologia in campo nella World cup 2018 parla del futuro delle produzioni video

Ultra Hd, Ultra slow-motion, Ultra performance: per rendere spettacolare il calcio non bastano dei bravi calciatori. La tecnologia video messa in campo durante la World Cup in Russia non lascia dubbi: le riprese fanno oggi la differenza. Siamo andati a cercare quali e quante telecamere sono state mobilitate. Ecco un po’ di dati che ogni appassionato di tecnologia video vorrebbe sapere.

Secondo il magazine Techradar.com sono state mobilitate in tutto 370 telecamere; 37 erano puntate sul campo da calcio. Di quest’ultime, otto riprendevano la partita interamente in 4K. I Mondiali di Russia infatti sono stati i primi filmati in Ultra HD. Per i non addetti ai lavori significa, in sintesi, che le immagini prodotte avevano il doppio dei pixel, quindi una definizione raddoppiata, apprezzabile soprattutto nelle inquadrature larghe e panoramiche.

Poche emittenti hanno potuto trasmettere le partite con questa qualità, in quanto i filmati pesano e occupano molta banda. Inoltre a oggi in pochi possiedono televisori con questa tecnologia. Resta però un segnale chiaro per le produzioni video del futuro: il 4k gradualmente sarà in grado di sostituire il full HD, offrendo così allo spettatore un’esperienza ancora più reale e coinvolgente.

Un’altra tecnologia all’avanguardia utilizzata durante i mondiali è la slow-motion, con un numero di frame per secondo nell’ordine delle migliaia (nel cinema il frame rate standard è di 24 inquadrature per secondo). Rallentare l’azione è diventato un effetto imprescindibile per ogni evento sportivo: non serve solo per la VAR (assistente video per l’arbitro) anzi. La sua principale funzione è rendere epico e memorabile ogni gesto.

Il livello di tecnologia elevato impone tecnici competenti: dal 2002 è sempre la stessa società ad aggiudicarsi la produzione dei Mondiali di calcio. Si tratta della Host Broadcast Services (HBS) HBS con headquarter a Parigi e con sede in Svizzera. Non resta che darsi appuntamento alla prossima World Cup, sperando che l’Italia possa giocare in campo e, perché no, anche fuori con i suoi cameraman esperti e competenti.

https://www.techradar.com/news/the-technology-and-equipment-needed-to-film-all-64-matches-of-the-2018-world-cup

Related Blogs

Posted by Target Produzioni Video | 3 luglio 2018
Animazione 2D per Fideuram: Come creare un’infografica finanziaria
Il contratto per una polizza o per un piano di investimento non è mai un testo facile da affrontare. Eppure, usando l’animazione, si riesce a rendere semplice e fruibile anche...
Posted by Target Produzioni Video | 3 luglio 2018
Le parole del copywriter, una tavolozza di colori
Il copywriter è la persona che scrive tutte le parole della pubblicità. E quale funzione devono avere queste parole? Qual è il compito, il lavoro del copywriter?  Il copywriter deve...
Posted by Target Produzioni Video | 18 maggio 2018
Emotional Branding: come cambia la comunicazione video nel mondo dell’advertising
Siamo stati contattati dalla rivista MEDIASTAR, per dire il nostro parere sull’Emotional Branding. Ecco cosa abbiamo risposto. L’Emotional Branding sembra una parola nuova per dire una cosa vecchia. La pubblicità...